Cardiologia Interventistica

cardiologia-clinica

In Cardiologia Clinica vengono ricoverati i pazienti provenienti dalla Terapia Intensiva nella fase post-acuta, i pazienti ricoverati in urgenza dal Pronto Soccorso, ma che non necessitano di monitoraggio e di assistenza continuativa di tipo intensivo e quelli con ricovero programmato per valutazioni diagnostiche, prognostiche e terapeutiche.

Una parte importante di attività è rappresentata dalla esecuzione di esami diagnostici non invasivi. Tra questi l’elettrocardiogramma, sia in condizioni di riposo che sotto sforzo (test ergometrico): quest’ultimo, in particolare, fornisce importanti informazioni sulla eventuale presenza di cardiopatia ischemica, altrimenti non evidenziabile dall’elettrocardiogramma di base, sul riconoscimento di alcuni disturbi del ritmo cardiaco e sulla capacità funzionale.
Nei cardiopatici noti, il test è utile per seguire l’evoluzione della malattia o controllare l’efficacia del trattamento farmacologico o di procedure invasive come l’angioplastica o il by-pass aortocoronarico.
Il test può essere eseguito utilizzando il tappeto ruotante o il cicloergometro.
In certi casi è necessaria una rilevazione di determinati valori per l’intera giornata, durante le normali attività quotidiane: è questo il caso dell’elettrocardiogramma dinamico (Holter) o del monitoraggio ambulatoriale della pressione arteriosa.
Altra importante tecnica diagnostica è la ecocardiografia, che impiega gli ultrasuoni come metodo di indagine, fornendo informazioni dettagliate su anatomia, morfologia e funzione cardiaca.
l’ecografia cardiaca (ecocardiogramma) può essere eseguita in maniera tradizionale, attraverso una sonda ad ultrasuoni applicata sul torace. A volte è necessario effettuarla per via transesofagea, tramite una sonda montata su un gastroscopio, che viene introdotto nell’esofago e nello stomaco del paziente.
l’esame può essere svolto in condizioni basali (di riposo) o durante un test di stimolazione (ecostress) fisico o farmacologico.